info@misericordiacascina.org – 050 701901 – Via Palestro 23, Cascina (PI)

Ucraina, le Misericordie strumento della generosità dei toscani: al via una raccolta di beni di prima necessità

Quanto raccolto in tutta la regione sarà concentrato alla Mercafir di Firenze e poi trasportato alle zone di confine con Polonia e Romania, dove si stanno ammassando in profughi

Le Misericordie della Toscana in collaborazione con il Consolato ucraino di Firenze si mobilitano per portare aiuto al popolo ucraino, vittima della guerra e danno vita ad una raccolta centralizzata di beni di prima necessità.

La Federazione regionale e i 12 coordinamenti territoriali delle Misericordie si muoveranno in maniera organizzata per raccogliere farmaci ed alimenti non deperibili, trasportandoli con una propria colonna mobile fino alle zone di confine di Polonia e Romania dove si stanno ammassando i profughi.

La raccolta è organizzata dalle singole misericordie locali. Saranno poi i coordinamenti zonali delle Misericordie, in collaborazione con la Federazione regionale, a trasportare quanto raccolto in un unico centro di stoccaggio regionale, appositamente allestito negli spazi Mercafir di Firenze. La destinazione degli aiuti sarà poi decisa in base alle esigenze che si presenteranno nei prossimi giorni, in rapporto con le istituzioni e le autorità regionali e nazionali. Nel contempo le Misericordie chiedono anche la disponibilità per l’accoglienza di famiglie ucraine con la messa a disposizione di appartamenti o strutture sul territorio regionale; per offrire accoglienza è possibile contattare il numero verde della Sala operativa regionale delle Misericordie: 800927985.

L’Associazione Misericordie Pisane, sottolinea il presidente Maurizio Novi, ha subito aderito all’iniziativa coinvolgendo tutte le Misericordie della provincia e di fatto dando la possibilità a tutta la popolazione Pisana di poter portare gli aiuti nelle misericordie a loro più vicine.

“Non possiamo restare con le mani in mano di fronte alla guerra ed alle decine di migliaia di persone, soprattutto donne e bambini, che stanno fuggendo dalle loro case” dice il presidente della Federazione regionale delle Misericordie, Alberto Corsinovi. “I toscani sono un popolo generoso e lo stanno dimostrando già in queste ore: alle nostre sedi arrivano tante telefonate di persone che chiedono come potersi rendere utili e di cosa c’è bisogno; qualcuno offre ospitalità, molti si dicono pronti a donare abiti, cibo, denaro. Noi, come sempre, ci mettiamo a disposizione delle nostre comunità e, in questo caso, della loro generosità. E mentre preghiamo per la pace, offriamo un contributo concreto per aiutare chi fugge dalla guerra.”

Per ogni necessità potete chiedere informazioni a: areapisana@misericordie.org

telefonando al 0587353111 oppure seguendo le varie comunicazioni sui Social

Facebook: Misericordie Pisane

Altre notizie

Corsi di Pilates riabilitativo

Da quest’anno iniziano i nostri corsi di pilates riabilitativo. Il nuovo servizio offerto dalla nostra fisioterapia è particolarmente indicato per le persone con problematiche legate

Leggi Tutto »

Sostieni la Misericordia di Cascina

Il tuo contributo per noi è importante. Ecco tutti i modi per sostenerci:
Usando il nostro sito, acconsenti l’uso dei cookie in accordo con la nostra politica su di essi. Scorrendo questa pagina o cliccando sul pulsante “acconsento” di questo banner, acconsenti automaticamente al loro utilizzo.  Leggi l’informativa.